Un saggio che colma un vuoto nella letteratura scientifica di lingua italiana

«Il lavoro sessuale maschile è un fantasma dell’immaginario, gravato di eccessi di significazione. Da un lato, esso viene rappresentato come tema romanzato, finzionale, un topos letterario e cinematografico denso di riferimenti alle rappresentazioni culturali delle ansie del potere e dell’immaginario, dall’altro come l’esemplificazione della più profonda degradazione morale e personale per il “maschio” coinvolto: in entrambi i casi, queste due prospettive tipologiche rischiano di privare i soggetti coinvolti nel sex work della propria agentività. Con ciò non si vuole sostenere che le attività di sex working non possano essere determinate da mancanze di opportunità strutturali e da una dotazione diseguale e iniqua di risorse materiali e simboliche, né che il/la sex worker non possano essere sfruttati/e o essere vittime; allo stesso modo, non si vuole praticare un percorso cinico di voyeurismo intellettuale per mezzo del quale la volontà del soggetto si può esprimere attraverso pratiche e condotte indipendenti dai condizionamenti strutturali. Il problema concerne il modo in cui intendiamo i sex worker e i clienti, se trattiamo i concetti di “vittima” e di “approfittatore” come identità anziché come “condizioni temporanee”.

Questo volume tenta di ricostruire le rappresentazioni, le teorie, le retoriche, l’organizzazione e le tipologie di un tema complesso, scomodo e controverso, che si pone al crocevia della trasformazione delle maschilità e del mutamento socio-sessuale, a metà fra modelli tradizionali, configurazioni inedite e nuove forme di normalizzazione. Poco visibile ma presente negli interstizi dello spazio pubblico e delle involuzioni dei discorsi scientifici e delle retoriche disciplinari in età moderna, il lavoro sessuale maschile è la cartina al tornasole delle asimmetrie di genere, classe, età ed etnia che strutturano le nostre pratiche quotidiane convenzionali».

autor*

Cirus Rinaldi

insegna «Generi, sessualità e violenza» e «Masculinities, crime and criminal justice» presso il Dipartimento Culture e Società dell’Università degli studi di Palermo, dove dirige il Laboratorio di Ricerca Interdisciplinare su Corpi, Diritti, Conflitti. Tra i suoi temi di ricerca, le teorie della devianza e del crimine con particolare riferimento agli approcci interazionisti e costruzionisti, l’analisi del rapporto tra maschilità e violenza, gli studi LGBTQI+. Tra le sue pubblicazioni più recenti Maschilità, devianze, crimine (Meltemi, 2018); ha inoltre curato con S. Grassi il volume di John. H. Gagnon e W. Simon, Outsiders sessuali. Le forme collettive della devianza sessuale (Novalogos, 2019) e con L. Benvenga, Devianza conflitti e media. La scuola di Birmingham (Mimesis, 2020).

rassegna stampa

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Uomini che si fanno pagare

    Genere, identità e sessualità nel sex work maschile tra devianza e nuove forme di normalizzazione
pagine: 
    280
anno: 
    2020
isbn: 
    9788865483152
libro 20,00

Uomini che si fanno pagare

    Genere, identità e sessualità nel sex work maschile tra devianza e nuove forme di normalizzazione
Un saggio che colma un vuoto nella letteratura scientifica di lingua italiana
libro 20,00
pagine: 
    280
anno: 
    2020
isbn: 
    9788865483152

consigliati

Mariella Popolla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
page
product