Vita lavorativa e vita riproduttiva nell’analisi delle trasformazioni del capitalismo contemporaneo

Romano Alquati è stato un sociologo e militante, figura centrale dell’operaismo politico italiano. Il suo nome è legato a elaborazioni teoriche capaci di leggere le trasformazioni industriali e le lotte operaie del decennio Settanta. Conosciuto per la sua «conricerca», un metodo di analisi dei processi sociali che attinge all’antropologia e alla storia orale, negli anni Ottanta e Novanta si è impegnato nella costruzione di un’interpretazione complessiva del capitalismo contemporaneo.

Alquati scrive Sulla riproduzione della capacità umana vivente al giro di boa del millennio. Negli anni dell’espansione della globalizzazione capitalistica e del breve ciclo del movimento no global, dello sviluppo della new economy e della sua crisi, dei dibattiti su neoliberismo, postfordismo, fine del lavoro.

In una direzione differente, Alquati propone un’ipotesi forte: la riproduzione di quella che viene chiamata forza lavoro e lui definisce capacità lavorativa umana vivente, merce principale del capitalismo, sta diventando luogo diretto della valorizzazione di capitale e di dominio.

Riprodurre capacità umana è dunque un lavoro: quando riproduciamo gli altri e quando riproduciamo noi stessi. La riproduzione di cui parla l’autore non è solo lavoro di cura o lavoro delle donne: è un lavoro trasversale, sottoposto a un processo di forte industrializzazione, centrale anche per ogni ipotesi di fuoriuscita dall’esistente.

autor*

(1935-2010) è autore di numerosi articoli e saggi, una parte dei quali è tuttora inedita. Tra le sue principali pubblicazioni si segnalano Sulla Fiat e altri scritti (1975), Dispense di sociologia industriale (1989-92), Lavoro e attività (1997).

rassegna stampa

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Sulla riproduzione della capacità umana vivente

    L'industrializzazione della soggettività
pagine: 
    221
anno: 
    2021
isbn: 
    9788865483695
libro 18,00

Sulla riproduzione della capacità umana vivente

    L'industrializzazione della soggettività
Vita lavorativa e vita riproduttiva nell’analisi delle trasformazioni del capitalismo contemporaneo
libro 18,00

Romano Alquati è stato un sociologo e militante, figura centrale dell’operaismo politico italiano. Il suo nome è legato a elaborazioni teoriche capaci di leggere le trasformazioni industriali e le lotte operaie del decennio Settanta. Conosciuto per la sua «conricerca», un metodo di analisi dei processi sociali che attinge all’antropologia e alla storia orale, negli anni Ottanta e Novanta si è impegnato nella costruzione di un’interpretazione complessiva del capitalismo contemporaneo.

Alquati scrive Sulla riproduzione della capacità umana vivente al giro di boa del millennio. Negli anni dell’espansione della globalizzazione capitalistica e del breve ciclo del movimento no global, dello sviluppo della new economy e della sua crisi, dei dibattiti su neoliberismo, postfordismo, fine del lavoro.

In una direzione differente, Alquati propone un’ipotesi forte: la riproduzione di quella che viene chiamata forza lavoro e lui definisce capacità lavorativa umana vivente, merce principale del capitalismo, sta diventando luogo diretto della valorizzazione di capitale e di dominio.

Riprodurre capacità umana è dunque un lavoro: quando riproduciamo gli altri e quando riproduciamo noi stessi. La riproduzione di cui parla l’autore non è solo lavoro di cura o lavoro delle donne: è un lavoro trasversale, sottoposto a un processo di forte industrializzazione, centrale anche per ogni ipotesi di fuoriuscita dall’esistente.

(1935-2010) è autore di numerosi articoli e saggi, una parte dei quali è tuttora inedita. Tra le sue principali pubblicazioni si segnalano Sulla Fiat e altri scritti (1975), Dispense di sociologia industriale (1989-92), Lavoro e attività (1997).

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

pagine: 
    221
anno: 
    2021
isbn: 
    9788865483695

consigliati

Beatrice Andreose

Marco Clementi
Eirini Toliou

Giulia Cerino

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
page
product