Felicità e infelicità della funzione ludica nell’odierna quotidianità.
a cura di Antonella Sbrilli e Marco Dotti

Quanto conta il gioco nel paesaggio contemporaneo? Molto, moltissimo. E non solo perché di gioco ci si può ammalare e perfino morire, come purtroppo ci raccontano le cronache, si tratti della ludopatia legata all’azzardo o di sfide letali, dalla roulette russa al “blackout”; ma perché la dimensione ludica permea i più diversi aspetti della quotidianità: “giochiamo”, spesso senza rendercene conto, quando rispondiamo a un questionario online o quando inseriamo i rifiuti per la raccolta differenziata nei cassonetti di diverso colore. Stare al gioco significa quindi da un lato renderci consapevoli, e dunque attivi, in queste pratiche che scandiscono la vita di ogni giorno, dall’altro ritrovare nelle regole del gioco una insperata libertà espressiva, accentuata dal continuo dialogo tra parole e immagini. Intorno a questi temi si articolano i saggi dei curatori Antonella Sbrilli e Marco Dotti. Il volume si apre con la trascrizione di una conversazione fra Umberto Eco e Andrea Cortellessa, a seguire un testo storico di Charles-Maurice de Talleyrand-Périgord, un intervento di Paolo Fabbri e un’intervista a Sam Havadtoy. Completa l’opera una selezione riveduta e rielaborata dei testi e delle immagini che dal 2016 al 2018 sono stati proposti nella rubrica quindicinale Alfagiochi. Anagrammi di nomi d’artista, rinvenimenti di lettere nelle opere d’arte, passaggi tra scritture e figure – affiancati da alcune delle risposte più interessanti ricevute dai lettori di “alfabeta2” – diventano così una specie di prontuario per tutti coloro che vorranno replicarli, e magari reinventarli…

autor*

insegna Storia dell’arte contemporanea all’Università La Sapienza di Roma. Ha studiato le applicazioni dell’informatica alla storia dell’arte (Storia dell’arte in codice binario, Guerini e Associati, 2001) e ha progettato i giochi interattivi per la collana «CdArt» (Repubblica-Giunti Multimedia, 1996). Per la Galleria nazionale d’arte moderna di Roma ha ideato TU M’inviti, 2012 e Giochi di Sala, 2015. Tiene una rubrica di giochi con i lettori sul settimanale Pagina99 e gestisce il blog www.diconodioggi.it sul tempo nella finzione artistica. Ha curato, con Grazia Tolomeo, la mostra Dall’oggi al domani. 24 ore nell’arte contemporanea (Roma, Museo Macro, aprile-ottobre 2016).

insegna Professioni dell’editoria al Corso di laurea magistrale in Comunicazione professionale dei media dell’Università di Pavia. Giornalista professionista, si occupa di etica delle nuove professioni e del digitale, con particolare attenzione alle questioni aperte dallo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale (AI). È autore di Finis Europae. Welfare, neonazionalismo, corpi intermedi digitali (2017).

rassegna stampa

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Stare al gioco

    Intermezzi ludici e replicabili tra parola e immagine
pagine: 
    108
anno: 
    2019
isbn: 
    9788865482605
libro 15,00

Stare al gioco

    Intermezzi ludici e replicabili tra parola e immagine
Felicità e infelicità della funzione ludica nell’odierna quotidianità.
libro 15,00
a cura di Antonella Sbrilli e Marco Dotti

Quanto conta il gioco nel paesaggio contemporaneo? Molto, moltissimo. E non solo perché di gioco ci si può ammalare e perfino morire, come purtroppo ci raccontano le cronache, si tratti della ludopatia legata all’azzardo o di sfide letali, dalla roulette russa al “blackout”; ma perché la dimensione ludica permea i più diversi aspetti della quotidianità: “giochiamo”, spesso senza rendercene conto, quando rispondiamo a un questionario online o quando inseriamo i rifiuti per la raccolta differenziata nei cassonetti di diverso colore. Stare al gioco significa quindi da un lato renderci consapevoli, e dunque attivi, in queste pratiche che scandiscono la vita di ogni giorno, dall’altro ritrovare nelle regole del gioco una insperata libertà espressiva, accentuata dal continuo dialogo tra parole e immagini. Intorno a questi temi si articolano i saggi dei curatori Antonella Sbrilli e Marco Dotti. Il volume si apre con la trascrizione di una conversazione fra Umberto Eco e Andrea Cortellessa, a seguire un testo storico di Charles-Maurice de Talleyrand-Périgord, un intervento di Paolo Fabbri e un’intervista a Sam Havadtoy. Completa l’opera una selezione riveduta e rielaborata dei testi e delle immagini che dal 2016 al 2018 sono stati proposti nella rubrica quindicinale Alfagiochi. Anagrammi di nomi d’artista, rinvenimenti di lettere nelle opere d’arte, passaggi tra scritture e figure – affiancati da alcune delle risposte più interessanti ricevute dai lettori di “alfabeta2” – diventano così una specie di prontuario per tutti coloro che vorranno replicarli, e magari reinventarli…

insegna Storia dell’arte contemporanea all’Università La Sapienza di Roma. Ha studiato le applicazioni dell’informatica alla storia dell’arte (Storia dell’arte in codice binario, Guerini e Associati, 2001) e ha progettato i giochi interattivi per la collana «CdArt» (Repubblica-Giunti Multimedia, 1996). Per la Galleria nazionale d’arte moderna di Roma ha ideato TU M’inviti, 2012 e Giochi di Sala, 2015. Tiene una rubrica di giochi con i lettori sul settimanale Pagina99 e gestisce il blog www.diconodioggi.it sul tempo nella finzione artistica. Ha curato, con Grazia Tolomeo, la mostra Dall’oggi al domani. 24 ore nell’arte contemporanea (Roma, Museo Macro, aprile-ottobre 2016).

insegna Professioni dell’editoria al Corso di laurea magistrale in Comunicazione professionale dei media dell’Università di Pavia. Giornalista professionista, si occupa di etica delle nuove professioni e del digitale, con particolare attenzione alle questioni aperte dallo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale (AI). È autore di Finis Europae. Welfare, neonazionalismo, corpi intermedi digitali (2017).

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

pagine: 
    108
anno: 
    2019
isbn: 
    9788865482605

consigliati

Emanuele Braga
Andrea Fumagalli

Achille Bonito Oliva

Nanni Balestrini
Andrea Cortellessa
Maria Teresa Carbone
Nicolas Martino

Alberto Capatti

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
page
product