Un grande classico della filosofia sovversiva

Questo libro raccoglie tutti gli scritti di Antonio Negri sul pensiero del filosofo olandese Baruch Spinoza: L’anomalia selvaggia (1981); Spinoza sovversivo (1992); Democrazia ed eternità in Spinoza (1995). Per l’autore, il problema che Spinoza pone è quello della rottura della unidimensionalità dello sviluppo capitalistico e dell’istituzione del suo potere. L’opera di Spinoza è la definizione di un progetto rivoluzionario che attraversa il moderno, nell’ontologia, nella scienza, nella politica. L’immaginazione produttiva è potenza etica. Spinoza la descrive come una facoltà che presiede alla costruzione e allo sviluppo della libertà, che sostiene la storia della liberazione. Essere vuol dire essere partecipi della moltitudine. La nostra esistenza è sempre, in sé, comune. Spinoza insegna che vivere è la scoperta di sempre nuovi territori dell’essere, territori costruiti dall’intelligenza, dalla volontà etica, dal piacere dell’innovazione, dallo slargarsi del desiderio, mostra la vita come sovversione – è questo il senso dello spinozismo quale Negri lo intende, al presente.
Prefazioni di Gilles Deleuze, Pierre Macherey, Alexandre Matheron.

autor*

già docente di Dottrina dello Stato a Padova, ha insegnato in prestigiose Università europee. Negli ultimi anni la sua riflessione filosofica e politica ha avuto un grande riconoscimento internazionale. Per le nostre edizioni ha pubblicato: I libri del rogo, Spinoza, Settanta (insieme a Raffaella Battaglini) e pipe-line.

rassegna stampa

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Spinoza

pagine: 
    448
anno: 
    2023
isbn: 
    978-88-6548-473-9
libro 25,00
Un grande classico della filosofia sovversiva
libro 25,00

Questo libro raccoglie tutti gli scritti di Antonio Negri sul pensiero del filosofo olandese Baruch Spinoza: L’anomalia selvaggia (1981); Spinoza sovversivo (1992); Democrazia ed eternità in Spinoza (1995). Per l’autore, il problema che Spinoza pone è quello della rottura della unidimensionalità dello sviluppo capitalistico e dell’istituzione del suo potere. L’opera di Spinoza è la definizione di un progetto rivoluzionario che attraversa il moderno, nell’ontologia, nella scienza, nella politica. L’immaginazione produttiva è potenza etica. Spinoza la descrive come una facoltà che presiede alla costruzione e allo sviluppo della libertà, che sostiene la storia della liberazione. Essere vuol dire essere partecipi della moltitudine. La nostra esistenza è sempre, in sé, comune. Spinoza insegna che vivere è la scoperta di sempre nuovi territori dell’essere, territori costruiti dall’intelligenza, dalla volontà etica, dal piacere dell’innovazione, dallo slargarsi del desiderio, mostra la vita come sovversione – è questo il senso dello spinozismo quale Negri lo intende, al presente.
Prefazioni di Gilles Deleuze, Pierre Macherey, Alexandre Matheron.

già docente di Dottrina dello Stato a Padova, ha insegnato in prestigiose Università europee. Negli ultimi anni la sua riflessione filosofica e politica ha avuto un grande riconoscimento internazionale. Per le nostre edizioni ha pubblicato: I libri del rogo, Spinoza, Settanta (insieme a Raffaella Battaglini) e pipe-line.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

pagine: 
    448
anno: 
    2023
isbn: 
    978-88-6548-473-9

consigliati

Roberto Ciccarelli

Nicolas Dissez 
 Cristiana Fanelli

Rosi Braidotti

altri risultati...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
page
product