Sul consumo i conflitti sulla strada, a venire.

Il libro sostiene questa tesi: le due principali crisi che attanagliano l’Occidente – quella della rappresentanza politica e quella economica – sono indotte dalle nuove forme di autonomia del consumo dei soggetti sociali. Il consumo non rispetta né regole, né ordini che gli provengono dall’esterno, e genera una crisi di stabilità sociale: rifiuto dell’obbedienza alle regole, all’etica del lavoro, al «fare società».

È la potenza sociale del consumo che mette in forma quella potenza del desiderio che dà origine a una radicale domanda di libertà. Ma la politicizzazione del desiderio frantuma la società, spezzetta il conflitto, individualizza il collettivo. Al posto delle classi, del popolo, della moltitudine subentrano i gruppi, le fazioni, le bande che destrutturano l’universo sociale e le sue tradizionali categorie e si costituiscono sul territorio come soggettività antagoniste che cancellano l’utopia di un spazio come «bene comune». A unirli sono le culture di strada, le mentalità, gli stili di vita che tendono a porsi come indisponibili, non negoziabili e sembrano ormai divenuti più importanti del denaro nella determinazione delle scelte e dei comportamenti. È con queste insorgenze che la politica o, meglio, ciò che resta della politica si deve misurare.

È sulla cultura del consumo e i suoi valori, più che sulla nuda logica dei flussi e delle reti di mercato, che si dividono le moltitudini del mondo; ed è sempre sul consumo, sui suoi oggetti e sulle sue pratiche, che si scatena il conflitto sulle strade metropolitane.

autor*

insegna Sociologia urbana presso la Facoltà di Architettura di Ascoli Piceno, Università di Camerino. È direttore della rivista «Gomorra». Tra le sue pubblicazioni: L'individuo in rivolta (Costa&Nolan 1995), Negli spazi vuoti della metropoli (Bollati Boringhieri 1999), In nome della strada. Libertà e violenza (Meltemi 2002).

rassegna stampa

Recensioni

  1. Roberto Tronk

    «Potere del consumo e rivolte sociali» @Gli enigmi della Storia

    Qui il pdf della recensione di Luciano Pirrotta

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Potere del consumo e rivolte sociali

    Verso una libertà radicale
pagine: 
    128
anno: 
    2017
isbn: 
    9788865482070
libro 13,00

Potere del consumo e rivolte sociali

    Verso una libertà radicale
Sul consumo i conflitti sulla strada, a venire.
libro 13,00

Il libro sostiene questa tesi: le due principali crisi che attanagliano l’Occidente – quella della rappresentanza politica e quella economica – sono indotte dalle nuove forme di autonomia del consumo dei soggetti sociali. Il consumo non rispetta né regole, né ordini che gli provengono dall’esterno, e genera una crisi di stabilità sociale: rifiuto dell’obbedienza alle regole, all’etica del lavoro, al «fare società».

È la potenza sociale del consumo che mette in forma quella potenza del desiderio che dà origine a una radicale domanda di libertà. Ma la politicizzazione del desiderio frantuma la società, spezzetta il conflitto, individualizza il collettivo. Al posto delle classi, del popolo, della moltitudine subentrano i gruppi, le fazioni, le bande che destrutturano l’universo sociale e le sue tradizionali categorie e si costituiscono sul territorio come soggettività antagoniste che cancellano l’utopia di un spazio come «bene comune». A unirli sono le culture di strada, le mentalità, gli stili di vita che tendono a porsi come indisponibili, non negoziabili e sembrano ormai divenuti più importanti del denaro nella determinazione delle scelte e dei comportamenti. È con queste insorgenze che la politica o, meglio, ciò che resta della politica si deve misurare.

È sulla cultura del consumo e i suoi valori, più che sulla nuda logica dei flussi e delle reti di mercato, che si dividono le moltitudini del mondo; ed è sempre sul consumo, sui suoi oggetti e sulle sue pratiche, che si scatena il conflitto sulle strade metropolitane.

insegna Sociologia urbana presso la Facoltà di Architettura di Ascoli Piceno, Università di Camerino. È direttore della rivista «Gomorra». Tra le sue pubblicazioni: L'individuo in rivolta (Costa&Nolan 1995), Negli spazi vuoti della metropoli (Bollati Boringhieri 1999), In nome della strada. Libertà e violenza (Meltemi 2002).

Recensioni

  1. Roberto Tronk

    «Potere del consumo e rivolte sociali» @Gli enigmi della Storia

    Qui il pdf della recensione di Luciano Pirrotta

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

pagine: 
    128
anno: 
    2017
isbn: 
    9788865482070

consigliati

Alessandro Scassellati Sforzolini

Alessandro Barile
 Barbara Brollo
 Sarah Gainsforth 
 Rossella Marchini

Benedetto Saraceno

Silvia Landra
 Franco Prandi 
 Marzia Ravazzini

altri risultati...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
page
product