Parole e testi dal ventre oscuro della bestia

Ventuno racconti sulla paura scritti in un periodo di isolamento post-pandemico in cui le paure che hanno sempre covato dentro di noi sono emerse frantumando le nostre certezze e rincarando lo spavento e il bisogno del prossimo. Pensieri riaffiorati in un tempo storico che ci ha riportato al Novecento, quando l’influenza «spagnola» si diffuse in concomitanza con la Prima guerra mondiale. Mai avremmo pensato di riavere paura dell’aria espirata dagli altri e mai, in un’epoca in cui il virtuale si è sovrapposto al reale, avremmo pensato di vedere immagini di trincee scavate nella terra e di sentire parlare chi si prende cura delle nostre madri, di bombe e di sirene nella notte. Eravamo quasi convinti che per ogni tormento ci fosse una pillola da ingoiare e pensavamo che la guerra fosse una forma di intrattenimento con razzi e strisce di fuoco negli schermi dei nostri telefoni e dei nostri televisori al plasma. Invece no, da una creatura animale è passato all’animale uomo un microrganismo capace di togliere il respiro, e dall’animale uomo è risorto l’incubo nucleare, che non è più percepito come un incubo.

Racconti di Nicola Boccianti, Giuseppe Dino Baldi, Patrizia Carrano, Ugo Cornia, Silvana Gandolfi, Tommaso Giartosio, Anna Giurickovic Dato, Alberto Guarnieri, Maria Tiziana Lemme, Giovanni Maccari, Alessandro Marinaro, Diego Marras, Angelo Pasquini, Lorenzo Pavolini, Fabio Salbitano, Vincenzo Antonio Scalfari, Alessandro Schwed, Nicoletta Vallorani, Carlo Villa.

Le ventuno storie sono divise in tre capitoli: Ogni angelo ha il suo lato spaventoso, Per chi ha paura tutto fruscia e infine Tengo paura.

autor*

scrive e fa vino rosso in Toscana. Con la casa editrice Pequod ha pubblicato Il Signor Ma (2000) e Cos’è questa nuvola (2011). Presso le edizioni DeriveApprodi ha curato l’antologia di racconti sul vino Confesso che ho bevuto (insieme a Silverio Novelli, 2004); Pixel (di nuovo con Silverio Novelli (2012); Storie di volti e di parole (2016)  e Bestiario umano (2021) con Nicola Boccianti.

nato in Svizzera, cresciuto a Milano, studia cinema a Londra e si trasferisce a Roma. Le prime esperienze come assistente sono con Luigi Comencini, in seguito con Alberto Lattuada e Mario Monicelli. Poi i primi video musicali per Mister Fantasy, programma musicale di Rai 1. Dirige undici film, tra cui Il giudice Ragazzino. Infine, pubblica il suo primo romanzo dal titolo La Rosa del deserto (Tre60, 2022).

rassegna stampa

Recensioni

  1. Ufficio Stampa

    Mauro Trotta recensisce il libro su «il manifesto». Leggi qua

  2. Ufficio Stampa

    Leggi la recensione su «treccani.it» di Simone Gambacorta

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Nessuno sa

    Racconti sul sentimento della paura
pagine: 
    208
anno: 
    2023
isbn: 
    978-88-6548-468-5
libro 18,00

Nessuno sa

    Racconti sul sentimento della paura
Parole e testi dal ventre oscuro della bestia
libro 18,00

Ventuno racconti sulla paura scritti in un periodo di isolamento post-pandemico in cui le paure che hanno sempre covato dentro di noi sono emerse frantumando le nostre certezze e rincarando lo spavento e il bisogno del prossimo. Pensieri riaffiorati in un tempo storico che ci ha riportato al Novecento, quando l’influenza «spagnola» si diffuse in concomitanza con la Prima guerra mondiale. Mai avremmo pensato di riavere paura dell’aria espirata dagli altri e mai, in un’epoca in cui il virtuale si è sovrapposto al reale, avremmo pensato di vedere immagini di trincee scavate nella terra e di sentire parlare chi si prende cura delle nostre madri, di bombe e di sirene nella notte. Eravamo quasi convinti che per ogni tormento ci fosse una pillola da ingoiare e pensavamo che la guerra fosse una forma di intrattenimento con razzi e strisce di fuoco negli schermi dei nostri telefoni e dei nostri televisori al plasma. Invece no, da una creatura animale è passato all’animale uomo un microrganismo capace di togliere il respiro, e dall’animale uomo è risorto l’incubo nucleare, che non è più percepito come un incubo.

Racconti di Nicola Boccianti, Giuseppe Dino Baldi, Patrizia Carrano, Ugo Cornia, Silvana Gandolfi, Tommaso Giartosio, Anna Giurickovic Dato, Alberto Guarnieri, Maria Tiziana Lemme, Giovanni Maccari, Alessandro Marinaro, Diego Marras, Angelo Pasquini, Lorenzo Pavolini, Fabio Salbitano, Vincenzo Antonio Scalfari, Alessandro Schwed, Nicoletta Vallorani, Carlo Villa.

Le ventuno storie sono divise in tre capitoli: Ogni angelo ha il suo lato spaventoso, Per chi ha paura tutto fruscia e infine Tengo paura.

scrive e fa vino rosso in Toscana. Con la casa editrice Pequod ha pubblicato Il Signor Ma (2000) e Cos’è questa nuvola (2011). Presso le edizioni DeriveApprodi ha curato l’antologia di racconti sul vino Confesso che ho bevuto (insieme a Silverio Novelli, 2004); Pixel (di nuovo con Silverio Novelli (2012); Storie di volti e di parole (2016)  e Bestiario umano (2021) con Nicola Boccianti.

nato in Svizzera, cresciuto a Milano, studia cinema a Londra e si trasferisce a Roma. Le prime esperienze come assistente sono con Luigi Comencini, in seguito con Alberto Lattuada e Mario Monicelli. Poi i primi video musicali per Mister Fantasy, programma musicale di Rai 1. Dirige undici film, tra cui Il giudice Ragazzino. Infine, pubblica il suo primo romanzo dal titolo La Rosa del deserto (Tre60, 2022).

Recensioni

  1. Ufficio Stampa

    Mauro Trotta recensisce il libro su «il manifesto». Leggi qua

  2. Ufficio Stampa

    Leggi la recensione su «treccani.it» di Simone Gambacorta

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

pagine: 
    208
anno: 
    2023
isbn: 
    978-88-6548-468-5

consigliati

Barbara Balzerani

Luigi Ananìa 
 Nicola Boccianti

altri risultati...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
page
product