La natura ibrida del mondo a venire.

«La natura non è un luogo fisico in cui recarsi, non è un tesoro da custodire o conservare in banca, non è un’essenza da proteggere. La natura non è un testo da decifrarsi in base ai codici della matematica o della biomedicina. Non è l’alterità che offre origine, materie prime e servizi. Né madre né curatrice, né schiava né matrice, la natura non è risorsa o mezzo per la riproduzione dell’uomo. La natura è, strettamente, un luogo comune». Così esordisce Donna Haraway, tra le principali esponenti del pensiero ecologico e femminista contemporaneo, in questo pamphlet illuminante sulla nostra condizione di umani, specie devastatrice che ancora non ha imparato a convivere con il resto del vivente senza danneggiarlo. Perché ciò che sembriamo dare per scontato – l’idea o l’esistenza di una natura – in realtà non lo è affatto. La natura è in tutto e per tutto un artificio umano: l’idea attraverso la quale gli umani pensano loro stessi e l’insieme delle relazioni con ciò che esiste. Fare una critica di questo artificio significa immaginare che altri artifici sono possibili, a partire dai quali entità biologiche e tecnologiche in continua trasformazione troveranno uno spazio di coesistenza su questo pianeta.

autor*

Donna Haraway

pensatrice eclettica, è tra le figure intellettuali più rilevanti del pensiero anglosassone. Il suo lavoro spazia dal femminismo all’ecologia, dalla tecnica alla filosofia. Professoressa emerita presso l’università di California a Santa Cruz, è tra le principali protagoniste del pensiero contemporaneo. Femminista, filosofa della scienza ed ecologista, tra i suoi libri disponibili in lingua italiana: Manifesto Cyborg (1995), Testimone_modesta@FemaleMan_incontra_OncoTopo (2001) e Cthulhucene (2019).

rassegna stampa

Recensioni

  1. deriveapprodi

    «Le promesse dei mostri» su @Leggere Donna

    Qui la recensione di Sofia Govoni

  2. deriveapprodi

    «Le promesse dei mostri» su @OperaViva Magazine

    Qui la recensione di Mariano Croce.

  3. deriveapprodi

    «Le promesse dei mostri» su @Effimera

    Qui la recensione di Cristina Morini.

  4. deriveapprodi

    «Le promesse dei mostri» su @Philosophy Kitchen

    Qui la recensione del volume di Donna Haraway.

  5. deriveapprodi

    «Le promesse dei mostri» su @PULP Libri

    Qui la recensione di Fabio Malagnini.

  6. deriveapprodi

    «Le promesse dei mostri» su @L’Indiscreto

    Qui un estratto del volume di Donna Haraway.

  7. deriveapprodi

    «Le promesse dei mostri» su @Quaderni d’altri tempi

    Qui la recensione di Roberto Paura.

  8. deriveapprodi

    «Le promesse dei mostri» su @Vanity Fair

    Qui la segnalazione di Laura Pezzino.

  9. deriveapprodi

    «Le promesse dei mostri» su @IAPH Italia

    Qui la recensione di Isabella Pinto.

  10. deriveapprodi

    «Le promesse dei mostri» su @il manifesto

    Qui e qui la recensione di Benedetto Vecchi.

  11. deriveapprodi

    «Le promesse dei mostri» su @DinamoPress

    Qui la recensione di Federica Timeto.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Le promesse dei mostri

    Una politica rigeneratrice per l’alterità inappropriata
pagine: 
    176
anno: 
    2019
isbn: 
    9788865482803
libro 15,00

Le promesse dei mostri

    Una politica rigeneratrice per l’alterità inappropriata
La natura ibrida del mondo a venire.
libro 15,00
pagine: 
    176
anno: 
    2019
isbn: 
    9788865482803

consigliati

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
page
product