A cent’anni dalla morte di Lenin, il libro mette in primo piano la figura di un rivoluzionario leggendario, affascinante e ancora troppo poco conosciuto

Kamo è stata una figura leggendaria del movimento rivoluzionario russo, intorno a cui si è creato un velo di romanticismo. La sola biografia pubblicata in Occidente titola Kamo, l’uomo
di Lenin
. A partire da qui, in una sorta di autentico «revisionismo storico», l’autore elabora una lettura non convenzionale del bolscevismo. In primis, viene evidenziato come non pochi tratti del populismo politico russo divennero parte costitutiva dell’eresia leniniana. Nella seconda parte del testo, avvalendosi della metodologia della storia orale e della ricerca etnografica, si ricostruisce la ricezione che di Kamo ebbero i militanti politici di base nel corso degli anni Settanta. Nella terza parte, declinata sul presente, si argomenta la necessità di una ripresa «metodologica», senza dogmi di sorta, dell’eresia di Kamo e Lenin.

autor*

(Genova 1956) è stato ricercatore al Dipartimento di Scienze Antropologiche dell'Università di Genova. Si occupa di tematiche relative alla criminalità, all'immigrazione e ai movimenti rivoluzionari. Con DeriveApprodi ha pubblicato: Andare ai resti. Banditi, rapinatori, guerriglieri nell'Italia degli anni Settanta (I edizione 2004) e Gabbie metropolitane. Modelli disciplinari e strategie di resistenza (2005).  L'altro bolscevismo. Lenin, l'uomo di Kamo (2024) è il suo ultimo lavoro.

rassegna stampa

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

L’altro bolscevismo

    Lenin, l'uomo di Kamo
pagine: 
    208
anno: 
    2024
isbn: 
    9788865485293
libro 18,00

L’altro bolscevismo

    Lenin, l'uomo di Kamo
A cent’anni dalla morte di Lenin, il libro mette in primo piano la figura di un rivoluzionario leggendario, affascinante e ancora troppo poco conosciuto
libro 18,00

Kamo è stata una figura leggendaria del movimento rivoluzionario russo, intorno a cui si è creato un velo di romanticismo. La sola biografia pubblicata in Occidente titola Kamo, l’uomo
di Lenin
. A partire da qui, in una sorta di autentico «revisionismo storico», l’autore elabora una lettura non convenzionale del bolscevismo. In primis, viene evidenziato come non pochi tratti del populismo politico russo divennero parte costitutiva dell’eresia leniniana. Nella seconda parte del testo, avvalendosi della metodologia della storia orale e della ricerca etnografica, si ricostruisce la ricezione che di Kamo ebbero i militanti politici di base nel corso degli anni Settanta. Nella terza parte, declinata sul presente, si argomenta la necessità di una ripresa «metodologica», senza dogmi di sorta, dell’eresia di Kamo e Lenin.

(Genova 1956) è stato ricercatore al Dipartimento di Scienze Antropologiche dell'Università di Genova. Si occupa di tematiche relative alla criminalità, all'immigrazione e ai movimenti rivoluzionari. Con DeriveApprodi ha pubblicato: Andare ai resti. Banditi, rapinatori, guerriglieri nell'Italia degli anni Settanta (I edizione 2004) e Gabbie metropolitane. Modelli disciplinari e strategie di resistenza (2005).  L'altro bolscevismo. Lenin, l'uomo di Kamo (2024) è il suo ultimo lavoro.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

pagine: 
    208
anno: 
    2024
isbn: 
    9788865485293

consigliati

Luca Perrone 
 Enrico Lanza

altri risultati...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
page
product