Con oltre 140 immagini di opere d’arte, molte delle quali pubblicate per la prima volta, il libro offre una prospettiva originale e inedita per ripensare i movimenti degli anni Sessanta e Settanta e, più in generale, la cultura italiana del secondo dopoguerra

Negli ambienti del pensiero critico e marxista l’importanza politica dell’operaismo e dell’Autonomia operaia è ormai riconosciuta non solo in Italia ma sul piano internazionale. Tuttavia, è meno nota l’influenza che questi movimenti hanno avuto nell’ispirare il lavoro di artisti, architetti e designer di avanguardia.
Unico nel suo genere e per la sua approfondita competenza, il libro di Jacopo Galimberti si concentra sul discorso estetico e culturale sviluppato da tre generazioni di militanti (tra cui Mario Tronti, Antonio Negri, Franco Berardi Bifo e Silvia Federici) e sul modo in cui è stato fatto proprio da figure importanti come Manfredo Tafuri.
Il volume analizza i momenti chiave di questo dialogo, dai disegni pubblicati su «classe operaia» alla mostra di Potere operaio a Parigi, dai giornali degli indiani metropolitani al collettivo artistico femminista che aderiva alla campagna «Salario al lavoro domestico».

Con oltre 140 immagini, diverse delle quali pubblicate per la prima volta, il libro offre una prospettiva originale e inedita per ripensare i movimenti degli anni Sessanta e Settanta e, più in generale, la cultura italiana del secondo dopoguerra.

autor*

docente di Storia dell’arte contemporanea all’Università Iuav di Venezia, ha una ricca esperienza di ricerca sul piano internazionale. Tra le sue pubblicazioni, Individuals against Individualism: Art Collectives in Western Europe (1956-1969) (2018) e Hopeful Monsters. Pablo Echaurren e i mostri del movimento del ’77 (2020).

rassegna stampa

Recensioni

  1. Ufficio Stampa

    Una recensione di Lorenzo Mari pubblicata su «pulp libri»

  2. Ufficio Stampa

    Fine della distanza: lavoro artistico e lavoro politico. Una recensione di Sara Molho su «antinomie»

  3. Ufficio Stampa

    Il volume al secondo posto della classifica di qualità di febbraio 2024 stilata da «l’Indiscreto» nella sezione Saggistica.

  4. Ufficio Stampa

    Qui una recensione di Gioacchino Toni pubblicata su «carmilla online».

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Immagini di classe

    Operaismo, Autonomia e produzione artistica
pagine: 
    416
anno: 
    2023
isbn: 
    978-88-6548-487-6
libro 28,00

Immagini di classe

    Operaismo, Autonomia e produzione artistica
Con oltre 140 immagini di opere d’arte, molte delle quali pubblicate per la prima volta, il libro offre una prospettiva originale e inedita per ripensare i movimenti degli anni Sessanta e Settanta e, più in generale, la cultura italiana del secondo dopoguerra
libro 28,00

Negli ambienti del pensiero critico e marxista l’importanza politica dell’operaismo e dell’Autonomia operaia è ormai riconosciuta non solo in Italia ma sul piano internazionale. Tuttavia, è meno nota l’influenza che questi movimenti hanno avuto nell’ispirare il lavoro di artisti, architetti e designer di avanguardia.
Unico nel suo genere e per la sua approfondita competenza, il libro di Jacopo Galimberti si concentra sul discorso estetico e culturale sviluppato da tre generazioni di militanti (tra cui Mario Tronti, Antonio Negri, Franco Berardi Bifo e Silvia Federici) e sul modo in cui è stato fatto proprio da figure importanti come Manfredo Tafuri.
Il volume analizza i momenti chiave di questo dialogo, dai disegni pubblicati su «classe operaia» alla mostra di Potere operaio a Parigi, dai giornali degli indiani metropolitani al collettivo artistico femminista che aderiva alla campagna «Salario al lavoro domestico».

Con oltre 140 immagini, diverse delle quali pubblicate per la prima volta, il libro offre una prospettiva originale e inedita per ripensare i movimenti degli anni Sessanta e Settanta e, più in generale, la cultura italiana del secondo dopoguerra.

docente di Storia dell’arte contemporanea all’Università Iuav di Venezia, ha una ricca esperienza di ricerca sul piano internazionale. Tra le sue pubblicazioni, Individuals against Individualism: Art Collectives in Western Europe (1956-1969) (2018) e Hopeful Monsters. Pablo Echaurren e i mostri del movimento del ’77 (2020).

Recensioni

  1. Ufficio Stampa

    Una recensione di Lorenzo Mari pubblicata su «pulp libri»

  2. Ufficio Stampa

    Fine della distanza: lavoro artistico e lavoro politico. Una recensione di Sara Molho su «antinomie»

  3. Ufficio Stampa

    Il volume al secondo posto della classifica di qualità di febbraio 2024 stilata da «l’Indiscreto» nella sezione Saggistica.

  4. Ufficio Stampa

    Qui una recensione di Gioacchino Toni pubblicata su «carmilla online».

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

pagine: 
    416
anno: 
    2023
isbn: 
    978-88-6548-487-6

consigliati

Nicolas Dissez 
 Cristiana Fanelli

Mario Tronti 
 Lorenzo Teodonio

Philippe Bourgois 
 Jeff Schonberg

Davide Borrelli 
 Emiliano Bevilacqua

altri risultati...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
page
product