Nel centenario della Rivoluzione sovietica un libro radicalmente critico sulle derive populiste e nazionaliste.

Il 1917, la Rivoluzione sovietica: una pratica di democrazia radicale, diretta e consigliare, che si dà forma espressiva nei soviet.

Dagli scioperi di Parigi ai sindacati operai americani, dalla rivoluzione messicana agli anarchici spagnoli, l’esperienza della democrazia espressa agli albori della rivoluzione è ciò che ne ha sancito anche il successo mondiale. Ed è proprio ciò che Lenin requisisce col partito bolscevico, trasformando queste istituzioni politiche in organi inerti. A prevalere saranno così lo Stato, il partito, l’organizzazione militare, la burocrazia e la disciplina, che nei socialismi realizzati annienteranno le forme di autogoverno degli albori della rivoluzione.

Ripartire dall’esperienza dei soviet significa immaginare le forme presenti e a venire di una rivoluzione che ha anzitutto cercato un’emancipazione nella pratica della democrazia diretta, tornando a leggere quell’ombra dell’ottobre ’17 per contrastare, oggi, le nostalgie reazionarie per Stato e nazione, populismi e forme autoritarie della politica.

In questo senso, il fallimento dei comunismi va inteso come il collasso di un potere centralista, statalista, verticista che non smette di riproporsi nel pieno dei sistemi politici neoliberali. Oggi, «potere ai soviet» significa dunque immaginare le forme di autogoverno che animano le richieste di democrazia e partecipazione dei movimenti e delle pratiche del comune emerse negli ultimi decenni.

Traduzione dal francese di Antonello Ciervo e Lorenzo Coccoli

autor*

filosofo e docente, è autore, spesso insieme al collega Christian Laval, di saggi su Marx, Hegel e il capitalismo globale. Di recente pubblicazione in francese, la prestigiosa monografia Marx, prénom Karl (Gallimard 2012).

sociologo, svolge attività di ricerca presso l’università di Parigi X. Dal 2004, anima insieme a Pierre Dardot il gruppo di ricerca «Question Marx».

rassegna stampa

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Il potere ai soviet

    L’ombra dell’ottobre ’17 e la democrazia diretta
pagine: 
    176
anno: 
    2017
isbn: 
    9788865482148
libro 15,00

Il potere ai soviet

    L’ombra dell’ottobre ’17 e la democrazia diretta
Nel centenario della Rivoluzione sovietica un libro radicalmente critico sulle derive populiste e nazionaliste.
libro 15,00
pagine: 
    176
anno: 
    2017
isbn: 
    9788865482148

consigliati

Melinda Cooper
Catherine Waldby

Guido Borio
Francesca Pozzi
Gigi Roggero

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
page
product