Perché le rivoluzioni, specie quelle fallite, non si cancellano mai… Marcello Tarì

Nel turbinio dei sommovimenti sociali e politici degli anni Settanta, l’Autonomia è riuscita a mettere insieme Marx con l’antipsichiatria, la Comune di Parigi con la controcultura, il dadaismo con l’insurrezionalismo, l’operaismo con il femminismo e molto altro con molto altro ancora. Ma, soprattutto, nel suo agire l’Autonomia ha rappresentato una discontinuità profonda con le pratiche del Movimento operaio ufficiale. Essa non è stata un’organizzazione, bensì una molteplicità che si organizzava a partire da dove viveva, da dove lavorava o studiava. Nell’Autonomia hanno infatti convissuto tante specifiche autonomie: degli operai, degli studenti, delle donne, degli omosessuali, dei prigionieri, di chiunque scelse – a partire dalle proprie contraddizioni – la via della lotta contro il lavoro salariato e lo Stato, la via della sovversione della vita.

Se il Movimento degli anni Settanta finì per soccombere alle forze congiunte della macchina statale e del Partito comunista, la storia dell’Autonomia è quella di un’avventura rivoluzionaria la cui incandescenza è più che mai attuale.

autor*

è ricercatore indipendente. Ha vissuto negli ultimi anni tra la Francia e l'Italia. È autore di numerosi saggi. Per DeriveApprodi ha pubblicato il libro, tradotto in più lingue, Il ghiaccio era sottile. Per una storia dell'autonomia (2012) e Non esiste la rivoluzione infelice. Il comunismo della destituzione (2017).

rassegna stampa

Recensioni

  1. Roberto Tronk

    “L’Autonomia e il ’77” dal Corriere del Mezzogiorno

    Recensione di Enzo Mansueto a “Il ghiaccio era sottile” – dal Corriere del Mezzogiorno, 15 aprile 2012

    Vai all’articolo

  2. Roberto Tronk

    “70’s, années subversives” da Les Inrockuptibles

    Recensione (in francese) di Jean-Marie Durand all’edizione francese di “Il ghiaccio era sottile” di Marcello Tarì – da «Les Inrockuptibles» dicembre 2011

    Vai all’articolo

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Il ghiaccio era sottile

    Per una storia dell'Autonomia
pagine: 
anno: 
    2012
isbn: 
    9788865480380
libro 16,00

Il ghiaccio era sottile

    Per una storia dell'Autonomia
Perché le rivoluzioni, specie quelle fallite, non si cancellano mai… Marcello Tarì
libro 16,00

Nel turbinio dei sommovimenti sociali e politici degli anni Settanta, l’Autonomia è riuscita a mettere insieme Marx con l’antipsichiatria, la Comune di Parigi con la controcultura, il dadaismo con l’insurrezionalismo, l’operaismo con il femminismo e molto altro con molto altro ancora. Ma, soprattutto, nel suo agire l’Autonomia ha rappresentato una discontinuità profonda con le pratiche del Movimento operaio ufficiale. Essa non è stata un’organizzazione, bensì una molteplicità che si organizzava a partire da dove viveva, da dove lavorava o studiava. Nell’Autonomia hanno infatti convissuto tante specifiche autonomie: degli operai, degli studenti, delle donne, degli omosessuali, dei prigionieri, di chiunque scelse – a partire dalle proprie contraddizioni – la via della lotta contro il lavoro salariato e lo Stato, la via della sovversione della vita.

Se il Movimento degli anni Settanta finì per soccombere alle forze congiunte della macchina statale e del Partito comunista, la storia dell’Autonomia è quella di un’avventura rivoluzionaria la cui incandescenza è più che mai attuale.

è ricercatore indipendente. Ha vissuto negli ultimi anni tra la Francia e l'Italia. È autore di numerosi saggi. Per DeriveApprodi ha pubblicato il libro, tradotto in più lingue, Il ghiaccio era sottile. Per una storia dell'autonomia (2012) e Non esiste la rivoluzione infelice. Il comunismo della destituzione (2017).

Recensioni

  1. Roberto Tronk

    “L’Autonomia e il ’77” dal Corriere del Mezzogiorno

    Recensione di Enzo Mansueto a “Il ghiaccio era sottile” – dal Corriere del Mezzogiorno, 15 aprile 2012

    Vai all’articolo

  2. Roberto Tronk

    “70’s, années subversives” da Les Inrockuptibles

    Recensione (in francese) di Jean-Marie Durand all’edizione francese di “Il ghiaccio era sottile” di Marcello Tarì – da «Les Inrockuptibles» dicembre 2011

    Vai all’articolo

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

pagine: 
anno: 
    2012
isbn: 
    9788865480380

consigliati

Giorgio Ferrari 
 Gian Marco D'Ubaldo

Cyril Lionel Robert James

Maurizio Lazzarato

altri risultati...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
page
product