Il giardino come emblema di una nuova concezione del tempo.

Luogo prezioso è il giardino, perché è utopia (ed eu-topia) scritta con i fiori e le acque, con le piante e i prati, con le luci e le ombre, con le voci e i silenzi: con il tempo e la pazienza.
Il volume contiene testi di: Alberta Campitelli, Vincenzo Cazzato, Luca Cerchiai, Enzo Cocco, Pina De Luca, Maria Luisa Margiotta, Luciano Mauro, Mariagiovanna Riitano, Mariele Topi, Massimo Venturi Ferriolo, Mariella Zoppi.

autor*

insegna Filosofia morale presso l’Università degli Studi di Salerno. Tra i suoi saggi, dedicati alle «immagini di viaggio», si segnalano: Figure di viaggio e crisi del soggetto, (1990), Viaggio e metafisica (1996), Hölderlin e le vie del viandante (2000). Studioso di aspetti e temi dell’Illuminismo, ha tradotto e curato le Lettere sulla botanica di Rousseau (1994) e i volumi di Voltaire Il sommo male (2004), La felicità mondana (2006), Contro Rousseau (2007). È anche autore di diversi volumi, tra i quali: Etica ed estetica del giardino (2003), La melanconia nell’età dei lumi (2012), L’amore nel Settecento francese. Idee e forme (2018).

rassegna stampa

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

I giardini e il tempo

pagine: 
    96
anno: 
    2018
isbn: 
    9788865482551
libro 12,00

I giardini e il tempo

Il giardino come emblema di una nuova concezione del tempo.
libro 12,00
pagine: 
    96
anno: 
    2018
isbn: 
    9788865482551

consigliati

Ilaria Agostini
Giovanni Attili
Enzo Scandurra

Maurizio Corrado

Barbara Bonomi Romagnoli

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
page
product