Gesù di Nazaret fu torturato e giustiziato dalle autorità del suo tempo, perché ritenuto colpevole di gravissimi reati. Era davvero un criminale? Esiste un legame tra il suo essere «uomo marginale», ai confini di culture diverse, e la sua condanna? In che modo il rapporto tra «cultura» e «diritto» ha riguardato la sua sorte? E, infine, quali sarebbero stati oggi gli esiti della sua vicenda giudiziaria?
Questo libro propone un’iniziale risposta a tali domande, attraverso gli strumenti metodologici della ricerca scientifica: sul piano dell’analisi sociologica, del conflitto, della cultura, della devianza, dell’anomia; sul piano dell’analisi giuridica, del diritto canonico, ebraico e romano.
La conclusione lumeggia e dichiara un clamoroso «indicibile». Gesù non è solo un deviante: è paradigma universale della devianza, della quale è divenuto archetipo da sempre e
per sempre. È colui che per antonomasia devia dalle logiche di profitto, dall’acquiescenza alle regole di comodo, dalle pretese di ottemperanza travestite da norme consuetudinarie. E per conseguenza è colui che in ogni tempo e in ogni luogo trova e causa la propria condanna definitiva.

autor*

è palermitano e ha vissuto quindici anni come volontario a Villa Sant’Ignazio di Trento, comunità d’accoglienza per giovani adulti con problemi di emarginazione sociale.
Ha un dottorato in Sociologia e ricerca sociale presso l’Università di Trento ed è professore ordinario di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università di Catanzaro, dove insegna Sociologia della cultura e Sociologia della sopravvivenza.

è ricercatore in Diritto Ecclesiastico presso l’Università Magna Graecia di Catanzaro, dove insegna Diritto Canonico, Storia del Diritto Canonico e Beni culturali e Beni ecclesiastici. È componente del
Comitato Scientifico della World Society of Christian Bioethics. Tra le sue ultime pubblicazioni monografiche: Disobbedire alla pena (Roma, 2021), La virtù della disciplina. Saggi di storia e dottrina
canonica (Catania, 2022), La proprietà interculturale. Prospettive di studio (Cosenza, 2023), Mappe della giustizia mediterranea. Cultura secolare del processo e diritto islamico (Milano, 2023).

rassegna stampa

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Gesù contro

pagine: 
    160
anno: 
    2024
isbn: 
    9788865485453
libro 17,00
libro 17,00

Gesù di Nazaret fu torturato e giustiziato dalle autorità del suo tempo, perché ritenuto colpevole di gravissimi reati. Era davvero un criminale? Esiste un legame tra il suo essere «uomo marginale», ai confini di culture diverse, e la sua condanna? In che modo il rapporto tra «cultura» e «diritto» ha riguardato la sua sorte? E, infine, quali sarebbero stati oggi gli esiti della sua vicenda giudiziaria?
Questo libro propone un’iniziale risposta a tali domande, attraverso gli strumenti metodologici della ricerca scientifica: sul piano dell’analisi sociologica, del conflitto, della cultura, della devianza, dell’anomia; sul piano dell’analisi giuridica, del diritto canonico, ebraico e romano.
La conclusione lumeggia e dichiara un clamoroso «indicibile». Gesù non è solo un deviante: è paradigma universale della devianza, della quale è divenuto archetipo da sempre e
per sempre. È colui che per antonomasia devia dalle logiche di profitto, dall’acquiescenza alle regole di comodo, dalle pretese di ottemperanza travestite da norme consuetudinarie. E per conseguenza è colui che in ogni tempo e in ogni luogo trova e causa la propria condanna definitiva.

è palermitano e ha vissuto quindici anni come volontario a Villa Sant’Ignazio di Trento, comunità d’accoglienza per giovani adulti con problemi di emarginazione sociale.
Ha un dottorato in Sociologia e ricerca sociale presso l’Università di Trento ed è professore ordinario di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università di Catanzaro, dove insegna Sociologia della cultura e Sociologia della sopravvivenza.

è ricercatore in Diritto Ecclesiastico presso l’Università Magna Graecia di Catanzaro, dove insegna Diritto Canonico, Storia del Diritto Canonico e Beni culturali e Beni ecclesiastici. È componente del
Comitato Scientifico della World Society of Christian Bioethics. Tra le sue ultime pubblicazioni monografiche: Disobbedire alla pena (Roma, 2021), La virtù della disciplina. Saggi di storia e dottrina
canonica (Catania, 2022), La proprietà interculturale. Prospettive di studio (Cosenza, 2023), Mappe della giustizia mediterranea. Cultura secolare del processo e diritto islamico (Milano, 2023).

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

pagine: 
    160
anno: 
    2024
isbn: 
    9788865485453

consigliati

Roberto Formisano

Elisabetta Galasso 
 Marco Scotini

Massimo La Torre

altri risultati...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
page
product