L’amico: quell’altro da sé che ci consente di essere ciò che siamo.

Cosa rende così peculiare quel rapporto che chiamiamo «amicizia»? Rispondere a questa domanda significa comprendere il carattere politico della nostra forma di vita. Il testo è un dialogo con la tradizione filosofica occidentale e soprattutto con il luogo teorico tutt’ora più ricco su questo tema: il pensiero di Aristotele. L’intuizione aristotelica secondo cui l’amico è un «altro se stesso» rappresenta, infatti, lo strumento con il quale perlustrare un territorio visto di sfuggita dalla filosofia, che ha spesso discusso dell’amicizia solo per cenni e con toni mistico-sentimentali. L’amicizia non è un sentimento patetico e commosso, quanto una delle forme principali con cui ciascuno di noi può costruire il modo, unico e irripetibile, di essere umano. Il libro elegge l’amicizia a esempio principe dell’«individuazione»: quella biografia, grandiosa o miserabile poco importa, che ci distingue gli uni dagli altri. L’altro sé amicale non è dunque il sosia con il quale rispecchiarsi per trovare conferma dei propri vizi o delle proprie virtù. È, invece, la sponda linguistica con la quale confliggere o nella quale trovare rifugio.

autor*

è dottore di ricerca in Filosofia del linguaggio presso l’università della Calabria. Insieme a Roberto Finelli ha curato il volume Soglie del linguaggio. Corpi, mondi e società (TrE-Press 2017).

rassegna stampa

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Filosofia dell'amicizia

    Linguaggio, individuazione, piacere
pagine: 
    160
anno: 
    2021
isbn: 
    9788865484005
libro 17,00

Filosofia dell'amicizia

    Linguaggio, individuazione, piacere
L’amico: quell’altro da sé che ci consente di essere ciò che siamo.
libro 17,00
pagine: 
    160
anno: 
    2021
isbn: 
    9788865484005

consigliati

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
page
product