Storie di liane e di solchi inerbati, di lieviti e fermentazioni, storie di assaggi e convenzioni infrante: l’alba di un nuovo mondo tra agricoltura e gusto.

Da circa vent’anni, tra Italia e Francia, dei vignaioli dissidenti nei confronti dell’agricoltura chimica e industriale propongono modelli agricoli alternativi, configurando una rivoluzione, anche del gusto, chiamata «naturale». Una contadinità di nuovo tipo, spesso militante e molto variegata, fondata su un altro sguardo nei confronti della natura, della vigna e delle tecniche di vinificazione. Una strada verso un’altra agricoltura che si è fatta largo attraverso saperi e conoscenze diverse, tra pratiche tradizionali e biodinamica, tra competenze botaniche e microbiologiche, fino ad assumere la forma odierna di un esteso movimento con svariate centinaia di protagonisti e un pubblico di migliaia di seguaci ed estimatori.
Il risultato sono vini singolari e coraggiosi, rottura dei canoni estetici tradizionali, racconti e storie di vite trasformate, di paesaggi innovati e inventati. Storie di livieti e di liane, di solchi inerbati e fermentazioni che durano settimane. Storie di interazioni tra vegetali e animali, anche umani. Storie di amici, con assaggiatori curiosi e giovani, e di tanti nemici, la vinificazione industriale e le guide. Storie di un mondo che solo alcuni anni fa sembrava marginale e che oggi conosce fiere specializzate, enoteche, migliaia di amatori che mai tornerebbero a bere il cosiddetto «vino convenzionale».
Il libro di Christelle Pianault, antropologa francese, non è la semplice ricognizione di questo movimento con i suoi protagonisti, è un racconto etnografico su come nascano i mondi. Scaturito da una tesi di ricerca in antropologia presso l’Ecole d’Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi, Cornoletame e microscopio è il primo libro capace di vedere nella «rivoluzione dei vini naturali» l’alba di un nuovo mondo che interroga la tecnica, il sapere, l’estetica e il resto del mondo vivente.

autor*

è ricercatrice di antropologia ed etnografia presso l’Ecole d’Hautes Etudes di Parigi. Cornoletame e microscopio, esito della sua ricerca di dottorato, è il suo primo libro, in Francia acclamato per la capacità di scrittura e l’innovazione della ricerca.

rassegna stampa

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Cornoletame e microscopio

    Il vino «naturale» tra scienze, credenze e agricolture radicali
pagine: 
    256
anno: 
    2020
isbn: 
    978-88-6548-351-0

Cornoletame e microscopio

    Il vino «naturale» tra scienze, credenze e agricolture radicali
Storie di liane e di solchi inerbati, di lieviti e fermentazioni, storie di assaggi e convenzioni infrante: l’alba di un nuovo mondo tra agricoltura e gusto.
pagine: 
    256
anno: 
    2020
isbn: 
    978-88-6548-351-0

prossime uscite

Enzo Scandurra

Matteo Bronzi
Caterina Ciarleglio

Christelle Pinault

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
page
product